Diario Mille Miglia: Partiti

Diario Mille Miglia: Partiti

Con la sfilata da Viale Venezia a Brescia é partita la Mille Miglia, dispetto a tutti i dubbi e le incertezze.

Alfa Romeo 1500 SA MM (1928)

Distanziamento e pubblico

La paura del virus (e la diretta streaming) hanno ridotto le presenze a Brescia con un pubblico che si é complessivamente ben comportato.

Bugatti T 35A (1925)

La cornice di pubblico é invece stata sorprendente nei piccoli e grandi centri attraversati dalla manifestazione.

Trovare centinaia di persone nell’umido della notte Padana ad attendere le vetture é un’emozione che difficilmente scorderò.

Imprevisti e incidenti

Forature e guasti meccanici sono all’ordine del giorno in una gara come questa, con vetture di almeno 60 anni di età.

BMW 328 (1938)

Pericoloso l’incidente dell’equipaggio Nolli-Orioli, uscito di strada per la rottura dello sterzo, fortunatamente senza conseguenze

Seconda tappa con direzione Roma

Partenza di buon’ora per gli equipaggi questa mattina.

Poche le ore di sonno dopo l’arrivo in serata a Cervia.

La seconda tappa di oggi si concluderà a Roma passando per San Marino e Urbino

#BlackBalilla: buona la prima

La #blackbalilla alla partenza

Ottima prima tappa per il nostro equipaggio Loperfido-Calosi con la Balilla n.83. Tredicesimi assoluti ed acclamati alla partenza con la loro bandiera Tricolore a sventolare.

Un buon auspicio per loro e per tutta la città di Brescia in un periodo non facile.

Diario Mille Miglia: la vigilia e le ultime novità

Diario Mille Miglia: la vigilia e le ultime novità

La Mille Miglia entra nel vivo con l’apertura delle verifiche tecniche e la punzonatura dei mezzi

Il red carpet di Brescia

La lunga sfilata dei mezzi per le verifiche tecniche è cominciata nella giornata di ieri, ma è entrata nel vivo oggi con il red carpet di oggi in piazza Piazza della Vittoria.

Lancia Lambda Spider Casaro - #14 - Mille Miglia 2020
Lancia Lambda Spider Casaro – #14 – Mille Miglia 2020

In ossequio alle norme anti Covid, l’accesso alla sfilata è stato possibile a un numero limitato di persone. Gli stessi equipaggi hanno mantenuto le mascherine indosso, come da norma.

Atmosfera surreale, quasi solenne per la lunga sfilata delle splendide vetture ammesse.

Lancia Aprilia Barchetta Faina - #112 - Mille Miglia 2020
Fiat-Lancia Aprilia Barchetta – #112 – Mille Miglia 2020

La manifestazione quest’anno si preannuncia diversa soprattutto per il pubblico, che non potrà godere delle sfilate della partenza e arrivo. Pare annullata anche la sfilata di Roma.

Il “nostro” team: #blackbalilla

Anche il team di Ciclootto, con Fabio Loperfido e Simone Calosi (seguite l’hashtag blackbalilla su Instagram) ha presenziato al red carpet. Nel corso della serata si è dedicato agli allenamenti in vista della gara.

#Blackbalilla - Fiat 508 S Coppa Oro - #83 - Mille Miglia 2020.jpg
#Blackbalilla – Fiat 508 S Coppa Oro – #83 – Mille Miglia 2020.jpg

Covid: Diretta streaming per la partenza

Le ultime notizie, a seguito della conferenza stampa vedono la conferma della diretta streaming per la cerimonia di partenza, che sarà aperta a tutti attraverso il seguente link

Delahaye 135 CS - #88 - Mille Miglia 2020
Delahaye 135 CS – #88 – Mille Miglia 2020

L’idea è quella di limitare al massimo gli accessi delle persone nel centro di Brescia. Confermata l’assenza dell’area press/stampa nella zona di partenza. Tutte le immagini saranno distribuite direttamente dall’organizzazione.

Il Trofeo Gaburri e il Closing Party finale sono ovviamente cancellati e i pranzi sul percorso verranno organizzati nel rispetto di turnazioni (oggettivamente difficile da gestire per la tipologia di gara che si va ad affrontare)

Fiat 1100/103 - #317 - Mille Miglia 2020
Fiat 1100/103 – #317 – Mille Miglia 2020

Previste sul percorso due auto covid safe con Covid manager e due auto per l’eventuale rientro a Brescia di persone con febbre. Evidente l’attenzione dell’organizzazione per una gara che, alla luce dei numeri dei contagi attuale, sembra sempre in bilico.

Un grazie a Serena Campatelli e Gaetana Angino del team #blackbalilla per le immagini

Diario Mille Miglia: la gara, il percorso, gli orari

Diario Mille Miglia: la gara, il percorso, gli orari

Stiamo entrando nella settimana della Mille Miglia. In questo 2020 di incognite e pensieri, la Freccia Rossa è pronta a partire. Ciclo Otto seguirà tutte le tappe della “Corsa più bella del mondo”.

Attese e restrizioni

Non sarà una Mille Miglia come le altre.

Anche per noi Blogger o appassionati sarà una gara ad ostacoli. Nelle ultime indicazioni arrivate pare certo che non ci sarà cerimonia di partenza e di arrivo, il centro di Brescia sarà blindato e le foto e video dell’evento saranno distribuite dall’organizzazione.

Mille Miglia 2019 - Bugatti al passaggio di Vinci
Mille Miglia 2019 – Bugatti al passaggio di Vinci

L’imperativo è evitare ogni assembramento anche al fine di evitare un sempre possibile blocco dell’evento, vista la crescita continua dei contagi.

Più flessibilità (speriamo) sul percorso, sopratutto nelle cittadine di passaggio, mentre sicuramente critiche le 3 tappe di arrivo: Cervia-Milano Marittima, Roma e Parma.

La gara

Attesa per le oltre 400 affasciananti vetture in gara, con equipaggi internazionali presenti, nonostante il Covid. Grandi assenti molti team d’Oltreoceano, una compagine ridotta nei ranghi anche per le difficoltà nel gestire la trasferta e gli ingressi nel paese.

Mille Miglia - MAppa Prima Tappa - 22 Ottobre 2020
Mille Miglia – MAppa Prima Tappa – 22 Ottobre 2020

Il programma prevede la partenza alle ore 14.00 dal 22 Ottobre da Viale Venezia a Brescia. La corsa si snoderà quindi verso la costa adriatica attraverso MantovaFerrara e Ravenna con sosta notturna a Cervia – Milano Marittima.

Mille Miglia - Mappa Seconda Tappa - 23 Ottobre 2020
Mille Miglia – Mappa Seconda Tappa – 23 Ottobre 2020

Venerdi’ 23 Ottobre la gara riprenderà in direzione Roma attraverso San MarinoUrbino (PU), Fabriano (AN), MacerataFermoAscoli Piceno e Amatrice. In serata , trasferimento nella città eterna con sfilata in Via Veneto.

Mille Miglia - Mappa Terza Tappa - 24 Ottobre 2020
Mille Miglia – Mappa Terza Tappa – 24 Ottobre 2020

Sabato 24 Ottobre risalita verso Brescia con la terza tappa che raggiungerà Viterbo, per poi salire in Toscana con la ormai classica sosta in Piazza del Campo a Siena.  Arrivo a Parma attraverso un suggestivo passaggio sul Passo della Cisa.

Mille Miglia - Mappa Quarta Tappa - 25 Ottobre 2020
Mille Miglia – Mappa Quarta Tappa – 25 Ottobre 2020

Chiusura Domenica 25 Ottobre attraverso Salsomaggiore TermeCastell’ArquatoLodiPandino, Treviglio e Bergamo, fino all’arrivo a Brescia per la passerella di chiusura e premiazioni (che dovrebbero comunque svolgersi senza pubblico).

 

 

Mille Miglia 2020. Presentato l’elenco partenti

Mille Miglia 2020. Presentato l’elenco partenti

Finalmente disponibile, dopo la conferenza di presentazione, l’elenco dei partecipanti alla Mille Miglia.

In un paese  alle prese con il Corona Virus, la macchina organizzativa della “freccia rossa” prosegue spedita verso l’edizione 2020, nella speranza che il virus non vanifichi gli sforzi

Tra dubbi e incertezze

Aston Martin Speed Spa Special - 1929 - Mille Miglia 2019 (c) Ciclootto
Aston Martin Speed Spa Special – 1929 – Mille Miglia 2019 (c) Ciclootto

La situazione è ancora ovviamente tutta da definire in vista di maggio e l’unica cosa a cui è possibile appellarci è la fiducia del presidente della MM, Franco Gussalli Beretta:

“La Mille Miglia sarà a maggio e per ora tutto confermato. Con entusiasmo e con il sostegno del comune presentiamo l’edizione 2020″

In un percorso che dovrebbe snodarsi arrivando a tornare in Piazza Duomo a Milano e a toccare Viareggio, possiamo pregustare la gara dando un’occhiata all’ordine di partenza

L’ordine di partenza: un sogno ad occhi aperti nella storia dell’automobile

Sono 400 gli equipaggi ammessi (su circa 800 domande pervenute). Mai come quest’anno sarà importante l’elenco delle riserve (ben 200) vista la situazione Coronavirus.

Alfa Romeo 6C 1750 GS Zagato - 1929 - Mille Miglia 2019
Alfa Romeo 6C 1750 GS Zagato – 1929 – Mille Miglia 2019 (c) Ciclootto

Dando un’occhiata all’ordine di partenza, spicca la corposa presenza di vetture Alfa Romeo anche grazie all’appoggio del Museo storico Alfa.

Ben 53 vetture comprese 17 Alfa Romeo 6c 1500/1750, in un tripudio di storia dell’automobile per festeggiare degnamente i 110 anni del biscione.

Grande anche la compagine nazionale con oltre un terzo delle vetture di origine italiana.

Equipaggi: il ritorno dei vincitori

Ad una prima scorsa dell’elenco partenti spiccano immediatamente le conferme sportive dei vincitori dello scorso anno.

Squadra che vince non si cambia, quindi al via abbiamo Giovanni Moceri e Daniele Bonetti ancora su Alfa Romeo 6C 1500 SS e di nuovo alla partenza anche le vincitrici del trofeo per l’equipaggio femminile, Francesca Ruggeri e Silvia Marini su Aston Martin.

Francesca Ruggeri Silvia Marini - Mille Miglia 2019
Francesca Ruggeri Silvia Marini – Mille Miglia 2019 (c) Ciclootto

Altra conferma per l’ex pilota Emanuele Pirro che si troverà di nuovo al volante della splendida Alfa Romeo 6c 2300 Pescara Spyder e di Ivan Capelli, che si troverà a bordo di una Austin Healey 100/4.

Le premesse per un grande evento ci sono tutte. L’incognita del virus che sta paralizzando l’Italia aleggia ancora sulla gara e sull’effettiva presenza degli equipaggi, in particolar modo quelli stranieri.

 

 

<b>Mille Miglia 2019</b>

Mille Miglia 2019

Si è chiusa la Mille Miglia 2019. Ed è stata un successo delle auto, splendide protagoniste, ma anche dei suggestivi paesaggi del nostro paese e una festa anche della gente, ad accogliere i piloti con un entusiasmo che va ben oltre la rievocazione storica della mitica corsa della freccia rossa.

Il parco partenti e la vettura 1000

Alfa Romeo 1900 Sport Spider
Alfa Romeo 1900 Sport Spider

Difficile parlare delle auto alla partenza di una Mille Miglia. Troppe le auto storiche, le one-off e le rarissime. E’ sempre uan situazione strana, per cui una Mercedes “Ali di Gabbiano” in mezzo a tutte le altre sembra quasi una vettura normale.

E allora, diventa più una questione di gusti più che di eccezionalità. Quindi, volendo segnalare qualcosa, l’Alfa Romeo 1900 Sport Spider disegnata da Bertone e portata da FCA Heritage, spiccava moltissimo con la sua linea sinuosa. Poi una dopo l’altra Bugatti Type 35 e 37, la stupenda Alfa Romeo 6C 2300 Pescara Spider appartenuta a Mussolini, la Talbot Lago T26 Gran Sport o la spettacolare Fiat 8V Berlinetta.

Davvero tante, troppe da segnalare, in un susseguirsi di auto da perdere la testa.

Il pubblico e la gara

Bugatti Type 37
Bugatti Type 37

Quello che lascia più colpiti è comunque l’incredibile accoglienza che il pubblico riserca a questi intrepidi, nella corsa da Brescia a Roma e ritorno. Una festa delle auto e una festa della gente per questa rievocazione storica.

E per quanto riguarda i risultati sportivi, vittoria (una prima volta) per la coppia Giovanni Moceri e Daniele Bonetti su Alfa Romeo 6C 1500 SS che precedono gli inossidabili Andrea Vesco e Andrea Guerini su Alfa 6C 1750 SS Zagato, secondi, e al terzo posto del podio, i vincitori argentini dello scorso anno, i quotati Juan Tonconogy e Barbara Ruffini su Bugatti Type 40.

Meglio di tante parole, la descrizione del clima di gara nella nostra gallery qui:

« 1 di 8 »

 

<b>Mille Miglia Low Cost</b>

Mille Miglia Low Cost

La Mille Miglia è la corsa storica per eccellenza e una delle rievocazioni di gare automobilistiche con regolamento di partecipazione più rigido, contemplando vetture prodotte dal 1927 al 1957, data dell’ultima edizione. Nella selezione viene inoltre preso in particolare considerazione oltre alla conformità dell’auto il palmares storico/sportivo e non ultimo, l’aver partecipato alla corsa della “Freccia Rossa” nelle sue edizioni storiche.

Budget milionario? Non necessariamente

Fiat 1100 E (1952) - Mille Miglia
Fiat 1100 E (1952) – Mille Miglia

Inaccessibile quindi senza avere un budget milionario? Teoricamente no. Partendo da un costo di iscrizione pari a 8.000 euro + iva (edizione 2018) e la possibilità di noleggiare una vettura storica dai vari noleggiatori/collezionisti (a cifre chiaramente adeguate alla vettura richiesta) è comunque possibile partecipare alla “corsa più bella del mondo” con l’acquisto di vetture molto più alla portata dell’appassionato medio rispetto alle varie Mercedes, Ferrari e Aston Martin spesso immortalate nel percorso tra Brescia e Roma.

Quindi, supponendo di voler correre la MM, avere budget ridotto e patentino CSAI (requisito necessario alla partecipazione) vediamo quali sono le possibili vetture low-cost eleggibili, considerando che comunque il numero di richieste di iscrizione alla corsa è enorme rispetto al numero di equipaggi ammessi e che quindi non è semplice accedere pur avendone tutti i requisiti.

Piccole Fiat alla riscossa

Fiat 500 C Topolino alla Mille Miglia 2017
Fiat 500 C Topolino – Mille Miglia 2017

Paese ospitante e casa della Mille Miglia, l’Italia e  le sue auto sono la scelta naturale per la gara. Il quantità di vetture eleggibili è particolarmente alta visto che molte hanno partecipato alle edizioni storiche e per questo hanno maggiori possibilità di ammissione.

Sono eleggibili Mille Miglia una serie di vetture insospettabili, tra cui le Fiat Topolino (A, B, C), ma anche delle modeste Fiat 600 prima serie, che possono essere comunque una buona scelta.

Sempre per Fiat, altra ottima opportunità è rappresentata dalle Fiat 1100E e dalle successive 1100/103 che con quotazioni nell’ordine dei 15.000 euro permettono di poter aspirare alla partecipazione.

Rimanendo in Italia, un’ulteriore opportunità è rappresentata da Lancia. Le Ardea possono essere una buona scelta, dato che mantengono quotazioni non esorbitanti, da preferirsi alle sorelle maggiori Aprilia, più costose e probabilmente più datate.

Fuori dall’Italia: Mercedes, Saab, Rover e tanta Francia

Simca Aronde (1953) - Mille Miglia
Simca Aronde (1953) – Mille Miglia

Non solo italiane low-cost. Molto si può fare con vetture estere. Consigliabili in questo senso, anche per affidabilità, possono essere le Mercedes anni ’50, in particolare le vetture con carrozzeria Ponton 180 e 220, che hanno costi abbordabili e sono considerate affidabili.

Spostandoci in Francia, buone opportunità vengono dalla Renault 4CV, una delle possibili partecipanti dal costo minore insieme alle Simca Aronde. Volendo puntare più in alto è possibile optare per le prime serie della Citroen DS. Una DS 19 eleggibile può essere trovata con un po’ di fortuna ad un prezzo inferiore ai 30.000 euro.

Spostandoci più lontano le Saab 92/93 con quotazioni nell’ordine dei 15.000 euro possono rappresentare una buona scelta a basso budget, come le Rover P4 acquistabili a cifre similari e forse preferibili per affidabilità.

Le possibilità di partecipare alla “Freccia Rossa” in versione low cost non mancano. Senza dimenticare che queste vecchie signore hanno spesso bisogno di cure sul percorso e un mettere un po’ di assistenza in conto è altamente auspicabile…..

 

<b>Mille Miglia 2017</b>

Mille Miglia 2017

La Miglia Miglia rinnova la sua magia e la sua storia con il passaggio per le strade che l’hanno resa celebre.

Ciclo Otto è stato presente all’arrivo di Monteriggioni, con le splendide vetture in corsa che hanno inscenato una meravigliosa passerella presso I’hotel Piccolo Castello di Monteriggioni.

Mille Miglia: un evento per pochi

Traffico nel parcheggio - Mille Miglia 2017 - Monteriggioni
Traffico nel parcheggio – Mille Miglia 2017 – Monteriggioni

La Mille Miglia per un appassionato di auto d’epoca è un evento formidabile. Oltre 450 vetture provenienti da tutto il mondo che si radunano per una rievocazione della storica corsa, chiusa tragicamente nel 1957 per il terribile incidente di De Portago. Non è una rievocazione storica come le altre. E l’esclusività dei mezzi la rende chiaramente fuori portata per il piccolo collezionista amatoriale.

Partecipare alla corsa con un proprio mezzo è spesso un evento elitario, sia per le caratteristiche precise che deve avere il mezzo, sia per i costi di iscrizione. Senza sottovalutare che il percorso è ben lungo ed è assolutamente necessario un mezzo di supporto e assistenza perché imbarcarsi in tanti chilometri con dei mezzi dagli anni 20 ai 50 non è uno scherzo (e lo testimoniano i tanti ritiri). Nonostante queste premesse, ogni anno sono migliaia le candidature all’evento e altrettanti gli equipaggi che non risultano ammessi.

E’ un’imperdibile occasione per vedere assieme un numero sterminato di vetture che nella migliore delle ipotesi è possibile osservare in musei o grandi esposizioni. E tutte facendo quello per cui sono nate: muoversi, viaggiare sulle strade. La Mille Miglia è una mostra viaggiante.

Paesaggi surreali

Mercedes 300 SL Gullwing
Mercedes 300 SL Gullwing

Per l’appassionato si disvelano momenti surreali, come trovarsi a passeggiare tranquillamente tra 4-5 Mercedes 300SL Gullwing come se si stesse attraversando una strada tra delle Fiat Panda. Oppure sentirsi suonare alla spalle per far strada ad un OM Superba 665 del 1927, che chiede strada con la sua andatura scattosa da oldtimer.
E il tutto si svolge in una naturalezza inaspettata. Le auto le puoi vedere e (rispettosamente) toccare, sentendoti parte di qualcosa che non è alla portata del comune appassionato.

La Mille Miglia ha comunque lati positivi e altri rivedibili. Un signore decide di accendersi una sigaretta poggiato (!!!) su un’Alfa Romeo 6C 1750 non rendendosi conto che si sta sdraiando su un pezzo di storia che vale oltre 2 milioni di euro e che queste anziane “signore” hanno la simpatica tendenza a perdere olio e benzina e quello proprio non è il posto giusto per una cosa del genere.

Lancia Aurelia B24
Lancia Aurelia B24

Un appassionato si illumina indicandomi le differenze nella strumentazione delle varie Lancia Aurelia B24 presenti ricordando il modello nel film “il Sorpasso”, dilungandosi poi sulle differenze nella conformazione del pannello nell’interno porta.

Insomma, queste stupende meraviglie sono la gioia per gli occhi, in un evento popolare, aperto a tutti, semplici appassionati, curiosi o esperti. E poco importa se non sono riuscito ad ammirare una STREPITOSA Cisitalia 202 SC perchè parcheggiato accanto c’era Joe Bastanich immortalato da 300 telefonini, in una bolgia che vista da lontano faceva presagire tutt’altra situazione. Il mondo segue le sue logiche e la bellezza sta negli occhi di chi guarda. E gli occhi di noi, piccoli amatori dell’automobile non possono che godere di questo carrozzone. Contano solo le auto, il resto è imballaggio.

Cisitalia 202 SC Berlinetta prima dell'arrivo di Bastianich
Cisitalia 202 SC Berlinetta

Conseguenze

Il passaggio della Mille Miglia ha anche una sua conseguenza diretta. Con tutta quella bellezza, quello splendore, si finisce per non apprezzare più le “bellezze” di tutti i giorni. Ci vuole un po’ per abituarsi e tornare alla realtà, fatta di Mini Cooper o Renault 4, e quando va bene qualche bella 600 multipla. Ma è così che dev’essere. Si sogna e poi ci si sveglia. In attesa di sognare ancora.

P.S. Proponiamo una rapida selezione di alcune delle foto e delle vetture presenti. Troppe le auto che meritavano attenzione e ci sembrava assurdo pubblicare le oltre 1000 immagini scattate. Verranno pubblicate sull’account instagram di Ciclo Otto: http://www.instagram.com/ciclootto

« 1 di 2 »