Firenze: Motori sotto le stelle

Firenze: Motori sotto le stelle

In questi giorni post-covid, anche un piccolo ritrovo può fare notizia.

E’ il caso de “Motori sotto le stelle”, iniziativa dei commercianti del centro di Firenze per ricreare una situazione di festa in una città orfana delle brulicanti folle di turisti da tutto il mondo.

Fiat 124 Sport Spider - Motori Sotto le Stelle - Firenze, 10 Luglio 2020
Fiat 124 Sport Spider – Motori Sotto le Stelle – Firenze, 10 Luglio 2020

Asse Italia-Inghilterra

Una micro selezione di auto, organizzata dal Club Montalbano Auto Storiche tutta giocata sull’asse Italia Inghilterra, con Fiat Topolino e 124 da una parte e spider Inglesi dall’altra con MG A e TA, Austin Healey 100 e 3000 e una sempreverde Morgan.

MGA 1500 - Motori Sotto le Stelle - Firenze, 10 Luglio 2020
MGA 1500 – Motori Sotto le Stelle – Firenze, 10 Luglio 2020

Riscaldamento per il futuro

Triumph TR4A - - Motori Sotto le Stelle - Firenze, 10 Luglio 2020
Triumph TR4A – – Motori Sotto le Stelle – Firenze, 10 Luglio 2020

Per Ciclo Otto è stato il ritorno agli scatti dinamici, in attesa dei grandi eventi da qui alla fine dell’anno, con Mille Miglia e Gran Premio Nuvolari in prima linea.

Ordina per
« 1 di 3 »
Monograms: Fiat 500 A Topolino

Monograms: Fiat 500 A Topolino

La Fiat 500 A, la prima “Topolino”, fa parte di quel ristretto gruppo di vetture nate per motorizzare una nazione, dove semplicità costruttiva (e di riparazione) sono elementi fondamentali per creare una vettura accessibile.  Un’auto che rappresenta, per l’Italia, la prima vera motorizzazione di massa.

Figlia del “ventennio”

Fiat 500A Topolino 1937
Fiat 500 A Topolino 1937 (c) Ciclootto

Un’auto economica, per tutti, con un costo di 5.000 lire. Una richiesta perentoria dal grande impatto propagandistico che Benito Mussolini invia a Giovanni Agnelli nel 1930.

In un mondo in cui l’auto era un vero e proprio lusso, progettare un’auto con queste caratteristiche significava creare qualcosa di insolito e intentato, quasi pionieristico.

Le due strade e il diktat sulla trazione anteriore

La progettazione della prima utilitaria Fiat segue due strade distinte. La prima capitanata da Oreste Lardone che propone la realizzazione di una vettura a 4 posti con motore bicilindrico da 500cc con trazione anteriore.

Quest’ultimo dato rappresentava uno scoglio importante da superare per convincere la dirigenza a superare la tradizionale disposizione a trazione posteriore.

Fiat 500A Topolino 1937 - Fregio Anteriore
Fiat 500 A Topolino 1937 – Fregio Anteriore (c) Ciclootto

Nonostante la bontà del progetto, il primo test su strada condotto con a bordo il Senatore Agnelli si interrompe bruscamente con il prototipo Fiat in fiamme a causa di una perdita di carburante.

Secca la reazione di Agnelli che scioglie il gruppo tecnico e mette la parola fine al progetto di Lardone. Interessante notare che in seguito, l’intera carriera professionale di Oreste Lardone ruoterà attorno alla trazione anteriore Made in Fiat, che culminerà con la realizzazione (1964) dell’Autobianchi Primula, la prima auto del gruppo Fiat con trazione anteriore.

Fessia, Giacosa e la geniale “Topolino”

Fiat 500A - Schema Tecnico
Fiat 500 A – Schema Tecnico

Abbandonata l’idea della trazione anteriore, e vista l’insistenza del gerarca fascista, l’incarico passa al secondo team di sviluppo che lavora ad una struttura più tradizionale. L’ingegner Antonio Fessia incarica un giovane tecnico, Dante Giacosa di realizzare una vettura economica.

Fiat 500A Topolino 1937
Fiat 500A Topolino 1937 – Motore (c) Ciclootto

Il giovane ingegnere si rivela abilissimo nel realizzare una vettura che rappresenta una specie di miniatura della Balilla: la Fiat 500 A Topolino.

La genialità (ed economicità) di progetto nasce da due fattori: ridotte dimensioni e  riduzione dei componenti utilizzati. Ne è un valido esempio il motore, un 4 cilindri 569cc a valvole laterali, che viene progettato eliminando la pompa della benzina (il motore viene alimentato per caduta, sfruttando la gravità) e la pompa di raffreddamento (utilizzando un radiatore a termosifone).

Interessante la disposizione del motore a sbalzo sull’assale anteriore, lasciando spazio all’abitacolo che ospita due persone con uno spazio posteriore per stivare bagagli, il tutto in appena 3 metri e 20 centimetri.

Una chicca ulteriore è rappresentata dalla posizione del radiatore che è posizionato dietro al motore, soluzione che ha permesso un frontale più curato aerodinamicamente.

Fiat 500A Topolino 1937
Fiat 500 A Topolino 1937 – Posteriore (c) Ciclootto

La carrozzeria, disegnata da Rodolfo Schaeffer, è quella di una piccola coupé a due posti.

Una “pecca” dovuta alle economie di progetto è il posizionamento dei fari anteriori, veri responsabili del soprannome “Topolino”, per cui era previsto originariamente il montaggio sui passaruota, soluzione molto moderna (e sicuramente aerodinamicamente più efficiente) ma che venne accantonata per semplicità di progetto.

Presentazione ed evoluzione: il caso “balestra corta”

Alla presentazione del modello, nel 1936, la vettura riesce a tener fede alle promesse. Le 5.000 lire volute da Mussolini erano irraggiungibili, ma al lancio la piccola “Balilla” costa 8.900 lire, sicuramente un prezzo più abbordabile di ogni altra vettura Fiat in commercio. Di li a breve viene presentata la versione Trasformabile, con tetto apribile (come quella di questo servizio).

Fiat 500A Topolino 1937 - Adesivo Cambio Olio (c) Ciclootto
Fiat 500A Topolino 1937 – Adesivo Cambio Olio (c) Ciclootto

La vettura, economica ma non banale, riscuote consensi. Qualche problema lo manifesta il comparto sospensioni, realizzate sull’asse posteriore con un sistema a balestre corte, che viene modificato nel 1938 montando delle balestre più lunghe mutuate dalla contemporanea versione furgonata, in dotazione al Regio Esercito del Regno d’Italia.

Sulla versione da carico,  il sistema a balestre corte mostrata di non digerire il peso dei carichi posti al posteriore (con casi di rottura del telaio) richiedendo una modifica che per economie di prodotto viene estesa a tutta la produzione.

Per questo motivo la Topolino A è comunemente denominata in due sotto versioni, con le prime auto prodotte fino a metà 1938 indicate come “balestra corta”, mentre quelle prodotte in seguito denominate “balestra lunga”

Una carriera attraverso la guerra

Fiat 500A Topolino 1937 - (c) Ciclootto
Fiat 500A Topolino 1937 – (c) Ciclootto

Il conflitto mondiale allunga paradossalmente la carriera della Topolino A, che rimane in vendita sostanzialmente immutata anche dopo la guerra, fino al 1948, con l’introduzione della versione “B”, che nonostante un’estetica quasi invariata, propone una serie di importanti migliorie, a partire dal motore potenziato per finire al sistema di sospensioni rivisto con un sistema ad ammortizzatori idraulici che migliora il confort di marcia.

Fiat 500A Topolino 1937 - (c) Ciclootto
Fiat 500A Topolino 1937 – Tachimetro e contachilometri (c) Ciclootto

Interessante notare come le quotazioni della Topolino A non siano mai cresciute molto negli anni. Le vetture si trovano in vendita con quotazioni al di sotto dei 20.000 Euro per auto in ottime condizioni.

Il motivo è che la guida di queste spartane vetture anni 30-40 è difficoltosa e pesante, fatto che le fa spesso preferire vetture più piacevoli nella guida.

D’altra parte è difficile parlare di piacere di guida su un’utilitaria che di fatto rappresenta il primo mezzo di locomozione a motore per molte famiglie. Sono qualità che possiamo ragionevolmente pretendere da vetture con un’altra storia, forse meno significativa di questa meravigliosa ultra ottantenne.

 

 

 

<b>13° Trofeo Milano CMAE</b>

13° Trofeo Milano CMAE

Il castello sforzesco, la cornice ideale

Anche quest’anno il Castello Sforzesco ha ospitato la favolosa sfilata del Trofeo Milano, giunto alla 13a edizione. Splendide le vetture presenti, tra pregiate prewar (tra tutte alcune splendide Amilcar e Bentley). Molto spazio come sempre alla produzione nazionale tra splendide vetture Fiat Balilla Coppa d’Oro, Lancia Lambda e per arrivare a tempi più recenti, Lancia Flaminia e Maserati OSCA

Lancia Flaminia Coupe Pininfarina - Trofeo Milano 2019
Lancia Flaminia Coupe Pininfarina – Trofeo Milano 2019

Le forze dell’ordine

Anche le storiche delle forze dell’ordine hanno presenziato all’evento presentando vari pezzi di pregio tra cui la classica Ferrari 250 GTE del Maresciallo Armando Spadafora, classica presenza. Notevole la presenza delle volanti in livrea Polizia e Carabinieri.

Fiat 500 A Topolino - Trofeo Milano - CMAE
Fiat 500 A Topolino – Trofeo Milano – CMAE

La fotogallery

In attesa della comunicazione delle vetture vincenti, ecco la fotogallery di Ciclo Otto, con un ringraziamento a Massimiliano Marseglia, autore degli scatti

« 1 di 3 »

 

<b>Mille Miglia Low Cost</b>

Mille Miglia Low Cost

La Mille Miglia è la corsa storica per eccellenza e una delle rievocazioni di gare automobilistiche con regolamento di partecipazione più rigido, contemplando vetture prodotte dal 1927 al 1957, data dell’ultima edizione. Nella selezione viene inoltre preso in particolare considerazione oltre alla conformità dell’auto il palmares storico/sportivo e non ultimo, l’aver partecipato alla corsa della “Freccia Rossa” nelle sue edizioni storiche.

Budget milionario? Non necessariamente

Fiat 1100 E (1952) - Mille Miglia
Fiat 1100 E (1952) – Mille Miglia

Inaccessibile quindi senza avere un budget milionario? Teoricamente no. Partendo da un costo di iscrizione pari a 8.000 euro + iva (edizione 2018) e la possibilità di noleggiare una vettura storica dai vari noleggiatori/collezionisti (a cifre chiaramente adeguate alla vettura richiesta) è comunque possibile partecipare alla “corsa più bella del mondo” con l’acquisto di vetture molto più alla portata dell’appassionato medio rispetto alle varie Mercedes, Ferrari e Aston Martin spesso immortalate nel percorso tra Brescia e Roma.

Quindi, supponendo di voler correre la MM, avere budget ridotto e patentino CSAI (requisito necessario alla partecipazione) vediamo quali sono le possibili vetture low-cost eleggibili, considerando che comunque il numero di richieste di iscrizione alla corsa è enorme rispetto al numero di equipaggi ammessi e che quindi non è semplice accedere pur avendone tutti i requisiti.

Piccole Fiat alla riscossa

Fiat 500 C Topolino alla Mille Miglia 2017
Fiat 500 C Topolino – Mille Miglia 2017

Paese ospitante e casa della Mille Miglia, l’Italia e  le sue auto sono la scelta naturale per la gara. Il quantità di vetture eleggibili è particolarmente alta visto che molte hanno partecipato alle edizioni storiche e per questo hanno maggiori possibilità di ammissione.

Sono eleggibili Mille Miglia una serie di vetture insospettabili, tra cui le Fiat Topolino (A, B, C), ma anche delle modeste Fiat 600 prima serie, che possono essere comunque una buona scelta.

Sempre per Fiat, altra ottima opportunità è rappresentata dalle Fiat 1100E e dalle successive 1100/103 che con quotazioni nell’ordine dei 15.000 euro permettono di poter aspirare alla partecipazione.

Rimanendo in Italia, un’ulteriore opportunità è rappresentata da Lancia. Le Ardea possono essere una buona scelta, dato che mantengono quotazioni non esorbitanti, da preferirsi alle sorelle maggiori Aprilia, più costose e probabilmente più datate.

Fuori dall’Italia: Mercedes, Saab, Rover e tanta Francia

Simca Aronde (1953) - Mille Miglia
Simca Aronde (1953) – Mille Miglia

Non solo italiane low-cost. Molto si può fare con vetture estere. Consigliabili in questo senso, anche per affidabilità, possono essere le Mercedes anni ’50, in particolare le vetture con carrozzeria Ponton 180 e 220, che hanno costi abbordabili e sono considerate affidabili.

Spostandoci in Francia, buone opportunità vengono dalla Renault 4CV, una delle possibili partecipanti dal costo minore insieme alle Simca Aronde. Volendo puntare più in alto è possibile optare per le prime serie della Citroen DS. Una DS 19 eleggibile può essere trovata con un po’ di fortuna ad un prezzo inferiore ai 30.000 euro.

Spostandoci più lontano le Saab 92/93 con quotazioni nell’ordine dei 15.000 euro possono rappresentare una buona scelta a basso budget, come le Rover P4 acquistabili a cifre similari e forse preferibili per affidabilità.

Le possibilità di partecipare alla “Freccia Rossa” in versione low cost non mancano. Senza dimenticare che queste vecchie signore hanno spesso bisogno di cure sul percorso e un mettere un po’ di assistenza in conto è altamente auspicabile…..