Lancia Aurelia B20 GT (1959)

The Classic Car Challenge (#tccchallenge) results for the Lancia Aurelia B20 GT (1959) game!
Join the game on the @ciclootto Instagram Stories

View this post on Instagram

Last of a great dinasty Sixth and last series of the wonderful Lancia Aurelia B20 GT has been marketed when its natural successor, the Flaminia was already on the market, at that time only in the sedan version. So this one from 1959 is one of the last cars sold by Lancia (production ended in 1958) and is easily recognisable 'cause is only series with the deflectors on the side windows. The line is still fabulous and the only real consolation for the Aurelia's production end is that the new one, the Flaminia GT is a wonderful (but different) car too. What a legacy of great cars Lancia has produced in those years!!! ——————————————- 🏁 Classic cars #contentcreator ❤️ Follow @ciclootto —————– #ciclootto #lancia #lanciaclassic #classiccars #classic #classiccars #oldies #lanciaaurelia #aureliab20 #drivetastefully #oldcars #oldcar #carspotting #carsofinstagram #classiclancia #carstagram #voitureancienne #cars #lanciaaureliab20gt #aureliab20gt #lanciaaurelia #lanciaclub #savelancia #makelanciagreatagain #sportscar #gt #gtcars #luxurycars #1950s #1950s #the50s #automotoretro

A post shared by Ciclo Otto – Car stories (@ciclootto) on

Results – 18.05.2020

01 – @sachamdasilva
02 – @_redtrade_
03 – @lucibus911
04 – @vricantonio
05 – @boerjappie
06 – @franjp71
07 – @yann_jules
08 – @marcomakaus
09 – @ro.casp
10 – @remichanics
11 – @salvador.lopez.vg82
12 – @andrea_x91
13 – @1kenoo
14 – @matteob24
15 – @murakami_ro
16 – @celtic68
17 – @ginoalfetta
18 – @valippo1
19 – @francesco.menichetti
20 – @armando.baiano
21 – @guilhem_bagnolard
22 – @scuderiapalermo
23 – @fulviadriver
24 – @tom.on.the.internet
25 – @salvatorelizio04
26 – @gf27photos
27 – @enciclopediadecoches
28 – @hawthoren_guitars
29 – @curvinmotors
30 – @photographybyhsd

“Il Sorpasso” e la Lancia Aurelia B24

“Il Sorpasso” e la Lancia Aurelia B24

Nel 2020 la Lancia Aurelia compie 70 anni ed Il Museo dell’automobile di Torino festeggia il compleanno con una mostra a lei dedicata “Lancia Aurelia 1950-2020. Mito senza tempo“.

Lancia Aurelia B24s
Lancia Aurelia B24

L’Aurelia fu prodotta in soli 18.200 esemplari (in tutte le sue versioni), auto sofisticatissima, apprezzata anche all’estero, con motore anteriore e cambio posteriore, una soluzione mutuata dalle corse che garantisce un ottimo bilanciamento dei pesi.

Monta il primo propulsore sei cilindri a V di 60°, una configurazione che l’industria tedesca e quella americana invidiavano a Lancia. Persino Ferrari, per realizzare il propulsore della Dino, si ispirò a questo motore.

L’Aurelia è un simbolo dell’eccellenza meccanica e stilistica raggiunta dall’industria italiana negli Anni 50, ed è la protagonista del celebre film “Il sorpasso” di Dino Risi, con Vittorio Gassman e Jean-Louis Trintignant.

E’ proprio lei?

Lancia Aurelia B24S
Lancia Aurelia B24 al Museo dell’Automobile – Torino

La nostra storia, invece, nasce circa 20 anni fa, quando conobbi in un raduno di auto storiche in Sicilia, Adalberto Beribè un imprenditore marchigiano dall’animo nobile. Un signore d’altri tempi che mi disse (assolutamente senza farsene un vanto, riconoscendo di fronte a sé un vero appassionato), “si è lei quella del film”.

Uscito nel 1962, “il Sorpasso” è considerato come il capolavoro del regista e costituisce uno delle opere cinematografiche più rappresentative dell’Italia del benessere e del miracolo economico di quegli anni.

Lancia Aurelia B24
Lancia Aurelia B24

All’inizio ebbi una reazione incredula come tutti quelli che la vedono per la prima volta.

Può essere lei? Proprio lei? Da dove la riconosci? Ma come hai fatto a trovarla?

La vettura è una Lancia Aurelia B24S Convertibile, una seconda serie del 1956, stupendamente disegnata da Pininfarina, di colore celeste (e non bianca come pensano in molti, dato che il film era in bianco e nero) spinta dal motore V6 Lancia da 2.5 litri (110 CV). Ma come riconoscerla tra le altre?

Niente di più facile, basta fare un estratto cronologico della targa che si legge nel film e si arriva all’attuale proprietario.

Tanti, troppi, dichiarano che la propria Aurelia è quella del film, ma la macchina è solo una, la nostra “piccolina”.

I 50 anni dall’uscita del film

Per festeggiare i 50 anni (2012) dall’uscita del film, la località di Castiglioncello, frazione di Rosignano Marittimo (Livorno), aspettava impaziente la macchina. Il paese vive ancora “Il Sorpasso” e ognuno ha un aneddoto da raccontare legato al film.

Se si pensa all’Aurelia si pensa a “Il Sorpasso” e viceversa, perché la macchina è la vera protagonista della pellicola..

Lancia Aurelia B24S
Lancia Aurelia B24

Oltre alle varie comparse, nell’occasione, Adalberto incontra anche il direttore della fotografia Alfio Contini (scomparso recentemente) che quando vide l’Aurelia non è riuscì a trattenere le lacrime.

La protagonista è lei, più di Catherine Spaak che, finalmente, riesce a farsi un giro con la bella spider perché all’epoca, la giovane attrice francese, non girò neanche una scena sulla Lancia Aurelia.

In alcune scene del film si vede sulla fiancata destra la lavorazione di un’officina di carrozzeria con le riparazioni non ancora riverniciate. Fu lo stesso Dino Risi a non volerla far riparare per rappresentare meglio la sciatteria di Bruno Cortona, il protagonista, interpretato da Gassman.

Abbiamo ritrovato con una certa commozione queste ammaccature in fase di restauro e con la stessa emozione abbiamo incontrato in paese il carrozziere che riparò la vettura, insieme al bambino che viaggiava sull’Ape Piaggio.

Al volante di un mito

Fabio Di Pasquale e Adalberto Beribé - Lancia Aurelia B24
Fabio Di Pasquale e Adalberto Berib̬ РLancia Aurelia B24

Se il sorpasso vive di spunti di accelerazione e delle battute memorabili di Vittorio Gassman nei tanti siparietti che compongono la pellicola, anche per me ed Adalberto ogni incontro è effimero, breve tappa di un viaggio senza meta che spinge i protagonisti a risalire sempre in macchina.

Uno strumento di deriva e di fuga da una realtà che oggi è completamente diversa ma che, saliti in macchina, ci fa dimenticare tutto tornando indietro a quegli anni al grido di “Vai CAVALLINA!!!”.

The Classic Car Challenge results – 23.02.2020

The Classic Car Challenge ( #tccchallenge) results for the Porsche 959

View this post on Instagram

One of the most advanced cars of its time. The Porsche 959 is extreme, in all its solutions and technologies. The Flat-6 2.8 liters 444HP engine turns this 4WD car in a rocket, propelling you at over 310Km/h. Built in 292 pieces is worth millions now and I've been lovely surprised to find one on sale at the last @autoemotodepocapadova fair in Padua. Fun facts: have you ever took a look at the 6 gears gearbox lever? It show a strange G in what normally you'll find the first gear (and so the upper gear is marked "5"). This was a trick made in Porsche as that era German homologation on noise pollution tested the car in the lowest gear ratio. In Porsche they were scared by not complain to that rule so basically, what is marked as I in the 959 is a second gear (and it leads at over 100 Km/h). —————————————————————— 📍 Find your original pics following @ciclootto —————– 🏁Reward the #originalcontent ❤️ —————– #ciclootto #porsche #porsche959 #whitecars #oldcars #petrolhead #cars #classiccardaily #drivetastefully #classiccars #white #coupe #germancars #supercars #luxury #luxurycars #flat6 #worthmillions

A post shared by Ciclo Otto – Car stories (@ciclootto) on

Results – 23.02.2020

01 – @the_oldest_car
02 – @eadwigge
03 – @guti_classics
04 – @kir_nikos
05 – @abeltofly
06 – @ginoalfetta
07 – @ro.casp
08 – @40dhla
09 – @gerogemrt
10 – @toni_sino
11 – @daniel.rodrigues.84
12 – @ravennaautodepoca
13 – @vishnuprasad877
14 – @pontolillo_alessandro
15 – @1fratanti
16 – @marcomakaus
17 – @franjp71
18 – @grant.moss
19 – @giovanni.corradin
20 – @jobjoris
21 – @classiccars_duesseldorf
22 – @raffaele_bincoletto
23 – @ale_delux96
24 – @nkroon
25 – @fede_galle
26 – @sachamdasilva
27 – @chicane500
28 – @440er
29 – @vricantonio
30 – @albertodsign
31 – @codrintabacaru
32 – @carsoftheweezenhof
33 – @classiccarsandthecity
34 – @huubvanvugt
35 – @yann_jules
36 – @remichanics
37 – @classiccars_sp
38 – @arthur.aronica
39 – @borisd69
40 – @_redtrade_
41 – @rem_blt
42 – @guilledn
43 – @celtic68
44 – @fabi500l
45 – @mah.louis
46 – @philippecaspar04
47 – @kammax66
48 – @lucibus911
49 – @sammy_g_k
50 – @tom.on.the.internet
51 – @matteob24
52 – @bjornvdven
53 – @teilix
54 – @jimmysmith_3
55 – @niekloog
56 – @cesargrau_cars
57 – @giulietta753ti
58 – @pmdes
59 – @photographybyhsd
60 – @the_automobile_fanatic
61 – @kh6_z32
62 – @manuel_carra
63 – @twilightdivewatches
64 – @itsfarworld
65 – @andykoerper
66 – @dkmbuis
67 – @parkedinmallorca
68 – @andrea_x91

The Classic Car Challenge results – 21.02.2020

The Classic Car Challenge ( #tccchallenge) results for the Opel Kadett B Rallye

View this post on Instagram

The sport side of the Opel Kadett B. The Rallye version is the fastest commercial version of B edition of the German car. Available both in the coupé and 4-doors body, was powered by the 1.1 litres engine (60 CV) and in the top of the line S version by the 1.9 litres engine with 90HP, also under the hood of the gorgeous Opel GT. The car I'm presenting here, a guest at the 2019 Opel Meeting in Mantua, Italy, is a 1973 1.9 S Coupé version shot by great friend @and.lazz The dual color scheme of the model, quite unusual, feature two dark blocks on the hood and a couple of dark (black) stripes on the sides. Personal soft spot for the Opel Kadett B in coupé body. —————————————————————- 📸 Find your original pics following @ciclootto —————– 🚙 Reward the #originalcontent ❤️ —————– #ciclootto #opel #opelkadettb #dualcolor #oldcars #petrolhead #cars #classiccardaily #drivetastefully #classiccars #drivevintage #instacars #coupe #germancars #blackstripes #petrolicious #1970s

A post shared by Ciclo Otto – Car stories (@ciclootto) on

Results – 21.02.2020

01 – @carsoftheweezenhof
02 – @kir_nikos
03 – @40dhla_
04 – @kammax66
05 – @autotorino_chile
06 – @_redtrade_
07 – @jobjoris
08 – @ravennaautodepoca
09 – @ginoalfetta
10 – @settefrati
11 – @hawthorne_guitars
12 – @marcomakaus
13 – @papatasoscx77
14 – @eadwigge
15 – @pontolillo_alessandro
16 – @lucibus911
17 – @georgemrt
18 – @classiccars_duesseldorf
19 – @samuele.teodori
20 – @pmdes
21 – @vricantonio
22 – @nkroon
23 – @celtic68
24 – @remichanics
25 – @val_levi_int_marketing
26 – @ro.casp
27 – @bulgarian.car-.spotter
28 – @augusto_pellucchi
29 – @tar.dust
30 – @1fratanti
31 – @huubvanvugt
32 – @valippo1
33 – @niekloog
34 – @goodoldminorcars
35 – @sachamdasilva
36 – @classiccarsandthecity
37 – @kai_hb
38 – @borisd69

The Classic Car Challenge results – 20.02.2020

The Classic Car Challenge ( #tccchallenge) results for the Lancia Aurelia:

Results – 20.02.2020

01 – @pablo_clavero1
02 – @vricantonio
03 – @_redtrade_
04 – @hawthorne_guitars
05 – @huubvanvugt
06 – @giovanni.corradin
07 – @bjornvdven
08 – @remichanics
09 – @ginoalfetta
10 – @40dhla
11 – @marcomakaus
12 – @pmdes
13 – @relvas.127
14 – @matteob24
15 – @ro.casp
16 – @gertalbert>

<b>Mille Miglia 2017</b>

Mille Miglia 2017

La Miglia Miglia rinnova la sua magia e la sua storia con il passaggio per le strade che l’hanno resa celebre.

Ciclo Otto è stato presente all’arrivo di Monteriggioni, con le splendide vetture in corsa che hanno inscenato una meravigliosa passerella presso I’hotel Piccolo Castello di Monteriggioni.

Mille Miglia: un evento per pochi

Traffico nel parcheggio - Mille Miglia 2017 - Monteriggioni
Traffico nel parcheggio – Mille Miglia 2017 – Monteriggioni

La Mille Miglia per un appassionato di auto d’epoca è un evento formidabile. Oltre 450 vetture provenienti da tutto il mondo che si radunano per una rievocazione della storica corsa, chiusa tragicamente nel 1957 per il terribile incidente di De Portago. Non è una rievocazione storica come le altre. E l’esclusività dei mezzi la rende chiaramente fuori portata per il piccolo collezionista amatoriale.

Partecipare alla corsa con un proprio mezzo è spesso un evento elitario, sia per le caratteristiche precise che deve avere il mezzo, sia per i costi di iscrizione. Senza sottovalutare che il percorso è ben lungo ed è assolutamente necessario un mezzo di supporto e assistenza perché imbarcarsi in tanti chilometri con dei mezzi dagli anni 20 ai 50 non è uno scherzo (e lo testimoniano i tanti ritiri). Nonostante queste premesse, ogni anno sono migliaia le candidature all’evento e altrettanti gli equipaggi che non risultano ammessi.

E’ un’imperdibile occasione per vedere assieme un numero sterminato di vetture che nella migliore delle ipotesi è possibile osservare in musei o grandi esposizioni. E tutte facendo quello per cui sono nate: muoversi, viaggiare sulle strade. La Mille Miglia è una mostra viaggiante.

Paesaggi surreali

Mercedes 300 SL Gullwing
Mercedes 300 SL Gullwing

Per l’appassionato si disvelano momenti surreali, come trovarsi a passeggiare tranquillamente tra 4-5 Mercedes 300SL Gullwing come se si stesse attraversando una strada tra delle Fiat Panda. Oppure sentirsi suonare alla spalle per far strada ad un OM Superba 665 del 1927, che chiede strada con la sua andatura scattosa da oldtimer.
E il tutto si svolge in una naturalezza inaspettata. Le auto le puoi vedere e (rispettosamente) toccare, sentendoti parte di qualcosa che non è alla portata del comune appassionato.

La Mille Miglia ha comunque lati positivi e altri rivedibili. Un signore decide di accendersi una sigaretta poggiato (!!!) su un’Alfa Romeo 6C 1750 non rendendosi conto che si sta sdraiando su un pezzo di storia che vale oltre 2 milioni di euro e che queste anziane “signore” hanno la simpatica tendenza a perdere olio e benzina e quello proprio non è il posto giusto per una cosa del genere.

Lancia Aurelia B24
Lancia Aurelia B24

Un appassionato si illumina indicandomi le differenze nella strumentazione delle varie Lancia Aurelia B24 presenti ricordando il modello nel film “il Sorpasso”, dilungandosi poi sulle differenze nella conformazione del pannello nell’interno porta.

Insomma, queste stupende meraviglie sono la gioia per gli occhi, in un evento popolare, aperto a tutti, semplici appassionati, curiosi o esperti. E poco importa se non sono riuscito ad ammirare una STREPITOSA Cisitalia 202 SC perchè parcheggiato accanto c’era Joe Bastanich immortalato da 300 telefonini, in una bolgia che vista da lontano faceva presagire tutt’altra situazione. Il mondo segue le sue logiche e la bellezza sta negli occhi di chi guarda. E gli occhi di noi, piccoli amatori dell’automobile non possono che godere di questo carrozzone. Contano solo le auto, il resto è imballaggio.

Cisitalia 202 SC Berlinetta prima dell'arrivo di Bastianich
Cisitalia 202 SC Berlinetta

Conseguenze

Il passaggio della Mille Miglia ha anche una sua conseguenza diretta. Con tutta quella bellezza, quello splendore, si finisce per non apprezzare più le “bellezze” di tutti i giorni. Ci vuole un po’ per abituarsi e tornare alla realtà, fatta di Mini Cooper o Renault 4, e quando va bene qualche bella 600 multipla. Ma è così che dev’essere. Si sogna e poi ci si sveglia. In attesa di sognare ancora.

P.S. Proponiamo una rapida selezione di alcune delle foto e delle vetture presenti. Troppe le auto che meritavano attenzione e ci sembrava assurdo pubblicare le oltre 1000 immagini scattate. Verranno pubblicate sull’account instagram di Ciclo Otto: http://www.instagram.com/ciclootto