Porsche 356 Carrera 1500 GS (1957)

The Classic Car Challenge (#tccchallenge) results for Porsche 356 Carrera 1500 GS (1957) game!
Join the game on the @ciclootto Instagram Stories

View this post on Instagram

Not the usual 356 Starting from the color, an out of range one, you can smell this is not the usual Porsche. Infact here's a rare 1957 Porsche 356 Carrera GS 1500 with the DOHC 1.5 liters engine (over 100 HP) and therefore a really fast thing. Presented with the nice Rudge wheels and even an original sun-roof, this car looks great and nasty with that exhaust on the back! —————– ūüďł Reward the #contentcreators ūüéąFollow @ciclootto —————– #ciclootto #porsche356 #porsche #porscheclassic #aircooled #germancars #356carrera #porschecarrera #classiccars #classiccar #356GS #germancar #vintagecar #vintagecars #oldcars #carsofintsagram #oldcar #vintage #fastcars #rarecars #1950s #sportscars

A post shared by Ciclo Otto – Car stories (@ciclootto) on

Results – 07.05.2020

01 – @fede_galle
02 – @armando.baiano
03 – @_redtrade_
04 – @1kenoo
05 – @kir_nikos
06 – @parkedinmallorca
07 – @f40sanchez
08 – @cesargrau_cars
09 – @boerjappie
10 – @grog_
11 – @kammax66
12 – @eadwigge
13 – @ginoalfetta
14 – @salvador.lopez.vg82
15 – @pasqualedavid26
16 – @dadotenny84
17 – @celtic68
18 – @4quattrotempi
19 – @georgemrt
20 – @photographybyhsd
21 – @curvinmotors
22 – @ro.casp
23 – @franjp71
24 – @niekloog
25 – @marcello_sedicivalvole
26 – @hawthorne_guitars
27 – @marcomakaus
28 – @yann_jules
29 – @grease_junkie_
30 – @classiccars_duesseldorf
31 – @sachamdasilva
32 – @relvas.127
33 – @therealemmanuelspencer
34 – @parked_in_sydney
35 – @mah.louis
36 – @val_levi_int_marketing
37 – @pierral__
38 – @pautorrentbr
39 – @kamranrowhani
40 – @tomibargero
41 – @vricantonio
42 – @gf27photos
43 – @jobjoris
44 – @fulviadriver
45 – @pablorivas6588
46 – @grant.mos
47 – @pmdes
48 – @tom.on.the.internet
49 – @classiccarsandthecity
50 – @440er
51 – @rem_blt
52 – @abmotors_ch
53 – @mazdacenter
54 – @plbltn
55 – @scuderiapalermo
56 – @regalreliant
57 – @aroundspring

Porsche 959 e il “finto” cambio a 6 marce

Porsche 959 e il “finto” cambio a 6 marce

Una delle pi√Ļ avanzate vetture del suo tempo, con un piccolo “trucco”. La Porsche 959 ha un piccolo segreto nel proprio, evolutissimo cambio a 6 marce

La regina tedesca in 292 esemplari

Straordinario concentrato di tecnologia, la Porsche 959, presentata al salone di Francoforte nel 1985 e prodotta dal 1986 al 1988, ha rappresentato, a met√† degli anni 80, l’apice tecnologico della casa di Zuffenhausen.

La tiratura, necessariamente limitata, doveva comunque superare le 200 vetture in modo da rendere omologabile la vettura nel Gruppo B e renderla idonea alle competizioni, obiettivo al tempo dichiarato dalla casa tedesca.

Porsche 959 - Auto e Moto d'Epoca Padova 2019 (c) Ciclo Otto
Porsche 959 – Auto e Moto d’Epoca Padova 2019 (c) Ciclo Otto

Formidabile la piattaforma tecnologica basata su motore boxer 6 cilindri da 2.8 litri con 444 CV e trazione integrale. La velocit√† massima di 314 Km/h la rese la vettura stradale pi√Ļ veloce al mondo, almeno fino all’avvento della Ferrari F40, sua antagonista naturale, in un epico scontro tra tecnologia e tecnica “classica”.

Realizzata in 292 pezzi, era disponibile in 2 versioni, la “Konfort”, dotata di tutte gli accessori interni e la “Sport”, versione spogliata di sedili posteriori, elettronica di bordo (rinunciava anche alle sospensioni elettroniche attive)¬†ottenendo un peso ridotto di oltre 100 Kg e dotata di motore potenziato a 515 CV.

Curioso scoprire che una vettura così tecnologica sia dovuta ricorrere ad un piccolo trucco per superare le prove di omologazione tedesche.

La prima marcia e la “G”

Porsche 959 - Particolare della leva del Cambio - Immagine da Autotrader.com
Porsche 959 – Particolare della leva del Cambio – Immagine da Autotrader.com

Osservando la leva del cambio della formidabile supercar tedesca non si può non fare caso al fatto che il cambio a 6 marce (una delle principali caratteristiche del comando manuale della 959) in verità non presenta alcuna indicazione della sesta marcia.

La numerazione arriva a 5, con l’indicazione della “prima” posizionata in basso a sinistra.

Al posto naturale della prima marcia, in alto a sinistra, capeggia una oscura indicazione G, che indica Gelände, fuoristrada. La Porsche 959 ha una marcia ridotta?

Un trucco per l’omologazione

Il piccolo trucco del cambio √® presto svelato. La marcia G √® la naturale prima marcia della vettura tedesca. Il motivo di questa denominazione √® la necessit√† da parte di Porsche di ottemperare all’allora regolamento tedesco sulle emissioni rumorose da parte delle vetture.

La legge prevedeva di valutare l’omologazione della vettura attraverso la quantit√† di rumore emessa al massimo regine del motore nel primo rapporto del cambio.

Il trucco del rapporto G permise a Porsche di passare l’omologazione senza problemi utilizzando la sua prima marcia (che in verit√† √® da rapportarsi a una seconda marcia da oltre 100 Km/h).

Un piccolo trucco poco noto e abbastanza curioso, considerando l’incredibile bagaglio tecnologico della vettura tedesca.

 

<b>Amelia Island ‚Äď Le proposte di RM Sotheby’s</b>

Amelia Island ‚Äď Le proposte di RM Sotheby’s

Ancora scottati dalle non brillantissime aste di parigine, RM Sotheby’s propone un’asta con un gran numero di lotti, tra cui per√≤ manca una vera top bidder

964 Collection

Porsche 911 3.8 RSR
Porsche 911 3.8 RSR

La parte preponderante dei lotti appartiene all’annunciata “964 collection”, una selezione di Porsche 911 964 di particolare pregio, poste all’incanto in una sequenza di lotti (dal 165 al 176) che pomprende alcune vetture davvero esclusive.

In particolare, una 911 RSR 3.8 (lotto 176 – Telaio¬†WP0ZZZ96ZPS496080) di origine Giapponese. Solo 55 prodotte e questo esemplare in un bel colore giallo ha solo 765 km all’attivo. Speriamo che il facolotoso compratore renda giustizia a questa racer, stimata di 1,2-1,4 milioni di dollari.

Per la stessa sezione 964, una 911 Turbo S alleggerita del 1993. Sembra che le case d’asta in questo periodo si copino l’un l’altra per le offerte, visto che Gooding & Co. propone la medesima vettura (in quel caso di un bel nero). 36.000 km per questa vettura (lotto 170 – Telaio WP0ZZZ96ZPS479014), ed anche qui siamo a 1,0-1,4 milioni di dollari

A margine di queste 2 versioni estreme, le altre della 964 collection sono relativamente pi√Ļ modeste. Si evidenziano un ben 3 vetture 964 Turbo Flat-nose (che raccolgono in genere pareri contrastanti) e un’interessante versione Speedster (lotto 169 – Telaio¬†WP0CB2960RS465325) offerta senza riserver con stima da 200.000 a 250.000 dollari.

Le altre: Maserati by Frua, Daytona e un LM002 low-milage

Maserati 3500 GT by Frua
Maserati 3500 GT by Frua

Il resto delle offerte di RM Sotheby’s spazia molto senza un vero filo conduttore. Da segnalare in particolare un Maserati 3500 GT Coup√© del 1961 con l’originale carrozeria disegnata da Pietro Frua. Solo 4 esemplari esistenti, questa vettura (lotto 140 – Telaio AM101 1496) √® stimata 550.000-700.00 dollari, una Mercedes 300 SL Gullwing (lotto 155 – Telaio¬†198.040.6500292) stimata 1,1-1,3 milioni e un’onnipresente Ferrari Daytona. La Ferrari in questione √® una coup√© del 1972 (lotto 134 – Telaio 15229) stimata 425.000-500.000 dollari.

Per la categoria speculazione, viene proposta una Lamborghini LM 002 con 1269 km all’attivo. In un bel rosso (lotto 133 – Telaio¬†ZA9LU45A3LLA12214) , √® offerta senza riserve con stima da 200.00 a 250.000 dollari.

Ultima nota per un’importante oldtimer. Un’Isotta Fraschini Tipo 8A S Boattail Cabriolet by Castagna (1930) (lotto 153 – Telaio¬†1581). In condizione di concorso viene stimata 1,2-1,4 milioni di dollari.

<b>Amelia Island – Asta Gooding & Company</b>

Amelia Island – Asta Gooding & Company

Per la settimana di Amelia Island, Gooding & Company allestisce un’asta di auto storiche con un numero relativamente limitato di lotti di altissima qualit√†.

Lotto 1 - Motore Ferrari 250GTE
Lotto 1 – Motore Ferrari 250GTE

Il soprammobile

Si parla di 87 vetture e un motore (e che motore). Partiamo dalla particolarit√†: il lotto n. 1 un motore Ferrari V12. Appartenuto alla Ferrari 250 GTE (SN#3437 GT), era stato acquistato da un facoltoso collezionista in vista di un futura installazione su un mezzo restaurato. In verit√† √® diventato nel tempo un bellissimo e ingombrante soprammobile, lasciato in bella mostra per oltre 30 anni. Viene venduto “as is” con la nota che il motore gira, nel senso che √® possibile far ruotare le componenti a mano. Quotazione da 100.000 a 125.000 dollari e asta senza riserva. Che sia l’occasione per acquistare un super soprammobile di pregio?

Ferrari: ancora 275 GTB all’asta e una 212 cabrio carrozzata Ghia

E’ un periodo curioso per le aste. In tutte gli ultimi eventi, √® sempre stata proposta almeno una Ferrari 275 GTB. Gooding non fa eccezione proponendo una splendida 275 GTB naso lungo (lotto 015 – Telaio: 08125). Stima per tra 2,5 e 3,5 milioni di dollari. Non √® una vendita scontata considerando l’andamento delle precedenti (come la vettura di Bonhmas invenduta a Scottsdale in inizio 2018).

Ferrari 212 Europa by Ghia
Ferrari 212 Europa by Ghia

Non √® per√≤ l’unica Ferrari a poter rubare la scena per G. & co. Datata 1952, una singolare Ferrari 212 Europa Cabriolet (lotto 047 – Telaio 0233EU) carrozzata da Ghia. Macchina stupenda con una singolare storia da barn-find e un restauro finale certificato da Ferrari Classiche. Quotazione da 1,8 a 2,2 milioni di dollari

Ultima segnalazione su Ferrari, una 410 Superamerica del 1956 (lotto 036 РTelaio 0491 SA) con una stellare quotazione tra i 5 e 6 milioni di dollari.

Porsche ruba la scena: RSR e 962C

Porsche 911 RSR 2.1 Turbo
Porsche 911 RSR 2.1 Turbo

Abitualmente Ferrari riesce a rubare la scena, ma in quest’asta davvero interessante, tre lotti Porsche risultano gli ideali antagonisti del Cavallino. In primo luogo la top bidder dell’intera asta, una Porsche Carrera RSR 2,1 Turbo¬† (lotto 022 – Telaio 911 460 9102),¬† l’ultima di sole 4 prodotte e seconda alla 24 ore di Le Mans 1974. La stupenda livrea Martini completa la descrizione di questo bolide da 500 cavalli offerto con una stima tra 6 e 8 milioni di dollari.

Sempre Porsche e sempre racing per la seconda vettura in evidenza, una splendida 962C (lotto 038 – Telaio 962-160), in questo caso senza un palmares significativo a meno di un “quasi” piazzamento alla Le Mans 1990, sfumato a 15 minuti dal termine con un ritiro che vanific√≤ un bel terzo posto. Livrea Repsol per questa recer (molto carino) e stima tra 1,5 e 2 milioni di dollari.

Per chiudere con Porsche, una vettura 1993 con meno di 100 chilometri sul contachilometri. Speculazione o meno, l’asta vede in scena una delle 86 Porsche 911 964 Turbo S in versione alleggerita (lotto 053 – Telaio¬†WP0ZZZ96ZPS479011). Splendida in nero, la quotazione per questa time-capsule √® tra 1,6 e 2 milioni di dollari.

Da tenere presente che in quest’asta di Gooding & Co sono offerte ben 41 vetture Porsche su 88 lotti.

Le altre: Abarth, Ford GT40 e una particolarissima Fiat by Vignale

Fiat 1100 Coupé Vignale
Fiat 1100 Coupé Vignale

Per chiudere con Gooding altre 3 proposte interessanti. Una Fiat-Abarth 1000 TC offerta senza riserva (lotto 012 – Telaio:¬†1280038) con stima tra 80.000 e 100.000 dollari, l’ultimo esemplare di Ford GT40 Mark IV (lotto 028 – Telaio¬†J-12) con stima da 2 a 2,5 milioni¬† e per chiudere, una chicca di casa Fiat. Uno dei due esemplari esistenti di Fiat 1100 Coup√© realizzati da Vignale nel 1953 su design di Michelotti. Vettura dallo stile molto particolare, in condizioni da concorso, Best in Class proprio ad Amelia Island lo scorso anno. Questa vettura (lotto 059 – Telaio 024545) √® valutata tra 400.000 e 500.00 dollari

 

<b>Retromobile Week – Aste d’epoca in altalena</b>

Retromobile Week – Aste d’epoca in altalena

La settimana di Retromobile a Parigi √® stata contrassegnata dalle tre aste di vetture d’epoca organizzate da RM Sotheby’s, Bonhams e Artcurial. I risultati delle aste sono stati per√≤ molto diversi per le tre famose case d’asta. . Male Rm Sotheby’s (stime sbagliate?), bene Bonhams che ha puntato molto sulle prewar e bene anche Artcurial, che nonostante avesse perso il proprio top lot (Ferrari 275 P) ha portato a casa ottimi risultati.

RM Sotheby’s

Iso Griso A3/C
Iso Griso A3/C – Immagine RM Sotheby’s

Primo dei tre eventi, l’asta di RM Sotheby’s √® stata sicuramente la pi√Ļ travagliata. Le top cars, su cui molto si era dibattuto e su cui RM Sotheby’s aveva puntato, non hanno scaldato il pubblico parigino. La bellissima Iso Grifo A3/C appartenuta al compianto Johnny Hallyday (come abbiamo ricostruito dalla storia della vettura, in verit√† il cantante l’ha avuta in possesso 2 anni e utilizzata pochissimo) veniva stimata davvero ottimisticamente a 2,5 – 3 milioni di euro. L’asta ha avuto come massima offerta 1,975 milioni di euro e l’offerta non √® stata accettata. Un sotto stima di oltre 500.000 √® davvero un valore inusuale. Stima sbagliata in casa RM Sotheby’s?

Purtroppo anche gli altri top lots non hanno trovato un acquirente, per un’asta che negli highlights √® stata davvero un flop. La Ferrari 166MM Spider concorrente alla Mille Miglia e protagonista nel film The Racer con Kirk Douglas ha raggiunto un’offerta di 3,45 milioni, anche qui lontana 250.000 euro dalla stima minima. Stessa sorte per il terzo top lot, Ferrari 275 GTB Alluminio, anch’esso invenduto.

Bugatti EB 110 SS - RM Sotheby's
Bugatti EB 110 SS – RM Sotheby’s

In casa Rm Sotheby’s si possono consolare con le auto moderne e con i pochi oltre stima ottenuti. Le buone notizie vengono da Bugatti, con la Chiron all’incanto venduta per 2,950 milioni di euro e, per noi molto pi√Ļ interessante il nuovo record per modello della Bugatti EB 110 SS, assegnata a 1,02 milioni di euro.

Per le nostre “preferite” da evidenziare Maserati MC 12 venduta a prezzo di stima (era offerta senza riserve), Ferrari F40 a 825.000 ‚ā¨. La BMW 633 ex-Abba a 30.000 ‚ā¨, la bellissima Maserati Mistral Spyder a 650.000 ‚ā¨. Exploit per Lancia Delta Evoluzione II Dealers Editon, con offerta da 142.500 euro.

Bonhams

Per le aste francesi, Bonhams ha puntato molto su vetture prewar. Una scommessa che possiamo considerare vinta visto l’alto numero di lotti assegnati.

Mercedes 300 SL - Bonhams
Mercedes 300 SL – Bonhams

Le delusioni vengono principalmente dall’attesa Mercedes 300SL trasformata in SLS. Passata di mano per 550.000 euro, aveva una stima di base di 900.000. Il dubbio sul gradimento delle vetture “non originali” confermato in pieno. Sempre sotto soglia (620.000 euro) la Bugatti Type 57, racer del 1935 quasi completamente originale e la Fiat 24/32 del 1904, perfetta concorrente della London-Brighton, venduta per 620.000.

Tanta Italia per Bonhams, ma con alterni successi. Invendute le due Lancia Delta rally, (Integrale ed S4), mentre le delle due Lamborghini, solo la Countach periscopica ha cambiato proprietario, mente la bella Miura color giallo Fly non ha raggiunto un’offerta soddisfacente per il proprietario.

Per le nostre preferite, la Facel Vega ex-Tony Franciosa a 152.000¬† (perfettamente in stima) e il bus granturismo ex- Scuderia Ferrari, venduto a 90.000 ‚ā¨.

Artcurial

L’evento Artcurial era molto atteso, visti gli splendidi risultati del 2017 (73% dei lotti venduti) e l’asta non ha deluso. Doveva essere l’evento assoluto della settimana, ma l’improvviso dietrofront degli eredi Bardinot sulla Ferrari 275P ha privato l’asta del suo oggetto simbolo.

Bugatti Type 57 C Atalante - Artcurial
Bugatti Type 57 C Atalante – Artcurial

Nonostante questo, Artcurial dichiara un incredibile 86% di lotti venduti con una percentuale altissima di lotti venduti oltre soglia. Molte prewar in vendita assegnate e tante splendide vetture pi√Ļ moderne hanno trovato un compratore. Una splendida Bugatti Type 57 Atalante ha rappresentato il top lot con una vendita a 2,5 milioni di euro. Splendida la¬†Maserati A6 GCS/53 da oltre 2 milioni di euro, e il nuovo record modello per Porsche 904 GTS, con un’assegnazione soprastima di 1,625 milioni di euro. E ancora Mercedes 300 SL (in condizioni originali a differenza di quella di Bonhams) a 1,1 milioni e Porsche 911 RS¬† 2.7 a oltre 500.000 euro.

Pi√Ļ in generale, forse per il “giocare in casa”, proprio l’apprezzamento dei compratori √® stato maggiore.

Maserati A6G/2000 - Artcurial
Maserati A6G/2000 – Artcurial

Aste vivaci per la Mustang Cabrio ex-Henry Ford II (160.000 ‚ā¨), Maserati Mistral 3.7 Coup√© (150.000 ‚ā¨) e la Iso Grifo GL arancione (260.000 ‚ā¨). Invenduta invece la splendida Maserati A6G/2000 berlinetta Allemano/Zagato (stimata a 2 milioni) e la Porsche 962 (stimata 1,3 milioni). Stupisce inoltre che le tante Citroen DS decapottable by Chapron (addirittura 3 all’asta, provenienti dalla collezione Reinders) non abbiano trovato un compratore. In questo caso i buyers si sono fatti spaventare dai 300.000-500.000 euro di stima.

 

 

 

 

 

<b>Scottsdale Auction Week 2018. Luci e ombre in Arizona</b>

Scottsdale Auction Week 2018. Luci e ombre in Arizona

Concluse le aste della Scottsdale Auction Week. Vediamo come sono andate le principali vetture offerte dalle varie case d’asta

RM Sotheby’s

Jaguar D-Type Wors 1954
Jaguar D-Type Works 1954

Dopo l’hype pubblicitario (anche un focus emozionale di Petrolicious) la protagonista dell’asta, Jaguar D-Type 1954 ‚ÄúWorks‚ÄĚ OKV 2 1954 ha comunque faticato ad arrivare alla quota di stima, mancandola di un paio di milioni.

Alla fine vettura assegnata per 9,8 milioni di euro. Cifra rispettabilissima, ma di certo ci si aspettava qualcosa di pi√Ļ. Il momento dell’auto d’epoca, dopo le rincorse degli scorsi anni, vede un rallentamento, e questo trend vale a tutti i livelli.

Tra le nostre preferite, la Ferrari 250 GT Cabriolet II Serie, assegnata per 1,275 milioni (offerta senza riserve) , una Ferrari 250 GT Lusso a 1,675 milioni, la Ferrari 212 Inter ex-Peron a 1,187 milioni.

L’attesa e curiosa Alfa Romeo G1, uno dei primi esemplari Alfa Romeo mai costruiti √® stato un flop. Attesi milioni di dollari, √® stata assegnata a meno della met√† delle previsioni:¬† 445.000 dollari (anche in questo caso offerta senza riserve)

Da notare che TUTTE queste assegnazioni sono andate sottostima.

Bonhams

Porsche 550A Spyder - Immagine Bonhams
Porsche 550A Spyder – Immagine Bonhams

Buone notizie per Bonhams. Dopo 2 passaggi a vuoto con altri banditori, la casa d’aste inglese riesce ad assegnare la Porsche 550A “Little bastard” per 5,17 milioni di dollari. Bel risultato considerando i precedenti e prezzo di stima centrato in pieno.

Le altre protagoniste attese:  Ferrari 365 GTS/4 Daytona spider venduta a 2,6 milioni di dollari (prezzo asta incluso),  Ferrari F40 1991 US-Spec acquistata per 1,512 milioni. La Lancia 037 stradale rossa assegnata a 451.000 dollari. Da notare che tutte le vetture da noi seguite hanno raggiunto o superato il valore di stima. Buon risultato quindi per Bonhams, eccezion fatta per la bellissima  Ferrari 275 GTB/4 gialla che non ha raggiunto il prezzo di riserva ed è rimasta invenduta.

Invenduta anche la Lamborghini Islero, molto particolare ma non apprezzata da raggiungere il prezzo di riserva

Gooding & Company

Jaguar D-Type XKD 518
Jaguar D-Type XKD 518 – Immagine Gooding&Co.

Asta complicata per Gooding & Co, unica delle case d’asta a non essere riuscita a piazzare il pezzo pi√Ļ pregiato. La¬†Jaguar D-Type Red, molto bella, stimata tra i 10 e i 12 milioni di dollari non ha trovato un nuovo proprietario. Sono stati offerti 8,85 milioni di dollari e il proprietario ha detto NO.

La¬†Ferrari 275 GTB Speciale¬†ex-Battista Pininfarina consola Gooding con un’assegnazione da 8,08 milioni di dollari mentre la Ferrari 250 GT Series I Cabriolet¬†ottiene offerte molto sotto stima e non viene assegnata. Infine la bella¬†¬†Ferrari Mondial 500¬†1954 assegnata (sottostima) per 4,05 milioni di dollari.

Aste concluse e spettacolo garantito in queste aste americane, con battaglie d’asta davvero intense

 

<b>Scottsdale Auction Week 2018 – Le proposte di Bonhams</b>

Scottsdale Auction Week 2018 – Le proposte di Bonhams

Porsche 550A Spyder - Immagine Bonhams
Porsche 550A Spyder – Immagine Bonhams

Terzo appuntamento del focus sulle aste della Scottsdale Auction Week. Dopo RM Sotheby’s e Gooding & Co. √® il turno di Bonhams

In questo caso la vedette dell’asta √® una vecchia conoscenza delle aste. Si tratta dell’iconica Porsche 550A Spyder 1958 (telaio¬†550A-0145 – lotto 44), gi√† vista offerta all’asta per Gooding & Co. nel 2016 a Pebble Beach (e non venduta), ritorna in questo caso offerta da Bonhams. Esemplare 39 su 40 prodotti √® stata vettura ufficiale Porsche, con un quinto posto a Le Mans ’58 e vittoria di classe alla 1000km del Nurburgring. Stima d’asta da 4,5 a 5,5 milioni di dollari.

 

Ferrari 275 GTB/4 - telaio 10381
Ferrari 275 GTB/4 – Immagine Bonhams

Le altre offerte di Bonhams sono molto interessanti, con un gran numero di lotti di grande pregio tra cui però è difficile isolare un solo lotto preponderante. Anche in questo caso molte Ferrari: un bellissimo  365 GTS/4 Daytona spider del 1972 (telaio 16473 Рlotto 25) stima 2,4-2,8 milioni di dollari, un 275 GTB/4 giallo (telaio 10381 Рlotto 27) stimato 2,8-3,4 milioni di dollari e una F40 1991 US-Spec (telaio ZFFMN34A8M0088374 Рlotto 28) certificato Ferrari Classiche con stima di 1,4-1,7 milioni di dollari.

 

Lancia 037 Stradale - Immagine di Bonhams
Lancia 037 Stradale – Immagine di Bonhams

Forse pi√Ļ interessanti alcune chicche, di minor valore ma di assoluto pregio, come una Lancia 037 stradale 1982 (telaio¬†ZLA151AR000000106 – lotto 34) stimata 350.000 dollari, una particolare Lamborghini Islero 1968 (telaio 6012 – lotto 69) stimata 350.000-400.00 dollari ed infine una moderna Ford GT40 auto personale di Carroll Shelby (anche se, come spesso accade, solo 645 miglia nel contachilometri). Per quest’ultima stima da 300.000 a 350.000 dollari

<b>Modena Cento Ore 2017</b>

Modena Cento Ore 2017

Vetture da sogno in una cornice suggestiva. Eventi in location esclusive e sessioni su pista ogni giorno.

Modena 100 ore - Firenze
Modena 100 ore – Firenze

E’ il biglietto da visita della Modena Cento Ore Classic, un evento straordinario giunto alla diciassettesima¬†edizione (6-10 Giugno 2017), che ha avuto come teatro il percorso da costa a costa attraverso la nostra penisola, unendo mar Tirreno e Adriatico, da Rimini a Forte dei Marmi. Siamo stati testimoni del passaggio delle vetture a Firenze, in un tripudio di mezzi e gentleman drivers davvero mozzafiato.

Le immagini della nostra gallery testimoniano la straordinariet√† delle vetture partecipanti e le surreali situazioni di passaggio dei piloti, costretti anche a destreggiarsi con l’insidioso traffico del cittadino.

Una fortuna per noi osservatori, con pi√Ļ tempo per ammirare questi capolavori fermi nel traffico. Per certi versi √® stato un prolungamento dei nostri sogni nel dormiveglia delle prime ore del mattino.

Ferrari e Jaguar nel traffico fiorentino
Ferrari e Jaguar nel traffico fiorentino

A tutta questa meraviglia aggiungiamo l’impareggiabile cornice della Firenze rinascimentale, scenario perfetto¬†per un evento che ha presentato alcune delle vetture pi√Ļ significative della storia dell’auto.

Ecco la nostra fotogallery della partenza da Piazza Ognissanti in uno dei due giorni di tappa in Firenze

 

Porsche 924

Porsche 924

La Porsche 924 è una vettura figlia di un progetto Volkswagen che sotto le cure di Porsche ha saputo ritagliarsi un ruolo importante nella produzione della casa di Zuffenhausen. Nata sotto una cattiva stella, è stato un progetto di successo

Una nascita travagliata

Metà anni 70. La crisi petrolifera mette in ginocchio le case automobilistiche che cercano di parare le perdite. Nasce la necessità di avere mezzi economici, dai bassi consumi per evitare il caro petrolio. Da questi problemi non sono esentate anche le marche del lusso che anzi, in questa fase soffrono particolarmente la situazione mondiale.

Tra queste, Porsche in particolar modo si trova a fronteggiare un difficile bivio.  La gamma Porsche era formata in pratica da 1 modello e mezzo. La storica 911, il mezzo ad alte prestazioni e la piccola entry level 914, che aveva sostituito la 912 alla base della gamma Porsche.

La 911 era molto apprezzata ma Porsche navigava economicamente in pessime acque e c’era l’urgente necessit√† di modificare profondamente il motore della 911 a causa delle nuove norme americane relative all’inquinamento acustico (tradizionalmente gli States sono il mercato primario per Porsche).

Porsche 924
Porsche 924
Immagine di Nakhon100

D’altro canto si doveva gestire la transizione del modello di accesso 914 che non fu esattamente un successo commerciale, soprattutto rispetto alle previsioni di vendita iniziali. Pi√Ļ che un modello Porsche, la 914 era vista come una Volkswagen (che la produceva in joint venture) e nonostante la linea con motore centrale/posteriore, aveva prestazioni modeste e in Porsche ci si chiese se aveva senso proseguire la collaborazione per il nuovo modello.

Mentre Porsche non se la passava bene, Volkswagen voleva invece espandere la propria gamma producendo per il proprio marchio una vettura sportiva, continuando la collaborazione con Porsche. Si decise per lo sviluppo di un’auto sportiva con caratteristiche tecniche proprie, ben distanti dalla filosofia Porsche.¬† Tecnicamente la vettura doveva avere motore anteriore e trazione posteriore, il tutto per poter montare il motore 2 litri 4 cilindri in linea che Volkswagen aveva gi√† in produzione per il van LT (non esattamente un motore sportivo). I tecnici di Stoccarda disegnarono per Volkswagen la vettura, il telaio e gli interni e ne venne fuori un mezzo di dimensioni importanti, con un proprio carattere. Una Volkswagen particolarmente sportiva che mai si era vista nella gamma delle auto del popolo.

La crisi petrolifera portò VW a ripensare la necessità di una sportiva top di gamma, quindi accantonò il progetto. In Porsche si decise di tentare di acquisire il modello. In fondo era un progetto quasi completamente made in Porsche.

VW accettò di cedere il progetto della vettura, praticando a Porsche un prezzo vantaggiosissimo (in pratica Porsche progettò una nuova vettura facendola pagare per metà a VW). Nasceva quindi una nuova sportiva marcata Porsche. Molto diversa dalle precedenti. Per la prima volta una vettura di Stoccarda aveva il motore anteriore. La produzione fu avviata negli ex stabilimenti NSU vicino a Stoccarda e con le vetture realizzate da operai Volkswagen supervisionati da tecnici Porsche.

Un progetto abortito da VW, rinato con un altro marchio di lusso ma costruito da un marchio popolare (con manodopera e costi produttivi bassi).

Porsche 924 - Vista laterale
Porsche 924 – Vista laterale
Immagine di Thomas’s Pics

Restava da vedere che accoglienza avrebbe avuto un Frankestein del genere sul mercato.

L’impensabile successo

Fu un successo straordinario (e forse impensabile per la genesi del progetto). La neonata 924, presentata nel 1976 piacque tantissimo. Sar√† stata l’assenza del nome Volkswagen sulla vettura, o la buona riuscita della linea cuneiforme oppure la dinamica di guida particolarmente riuscita. Fatto sta che la macchina nonostante trazione anteriore e linea a cuneo era una vera Porsche. Eccetto che per le prestazioni del motore di origine VW (con nuova testata realizzata da Porsche) che erano buone ma non esaltanti. Il motore all’esordio sviluppava 125CV. L’intento era quello di non pestare i piedi alla 911 base che montava il boxer 6 cilindri da 150CV. Una sportiva si, ma ragionevole. Copriva lo zero-100 in 10 secondi. E questo faceva storcere il naso agli amanti delle prestazioni.

Porsche 924 e 924 Turbo
Porsche 924 e 924 Turbo. Notare le feritoie anteriori presenti sulla Turbo
Immagine di nakhon100

Per questo motivo nel 1978 venne approntata la 924 Turbo, sfruttando l’esperienza maturata con la 911 nella gestione della sovralimentazione. Porsche fu scrupolosa. Non fu solo un aumento di potenza, ma venne rivisto il telaio e modificato l’impianto frenante per adeguarlo alle maggiori capacit√† del mezzo. 177CV e uno zero-100 realizzato in 7 secondi.

In definitiva, un progetto nato tra mille incertezze, a metà tra due case automobilistiche, quasi un figlio di nessuno, da cui nacque un successo fatto di oltre 120.000 modelli venduti prodotti tra il 1972 e il 1985. Potrà essere stata, al tempo, la sorella povera della 911, ma è grazie al suo successo che Porsche ha superato la crisi e ci ha regalato e continua a regalarci capolavori di meccanica da ammirare e guidare lungo le strade.

 


Dati:
Modello: Porsche 924
Periodo di produzione: 1976-1985
Motore: 4-6 cilindri
Potenza: da 125 a 177CV
Unità prodotte: 124.237
Valore stimato: 5.000-30.000 ‚ā¨ (2016)

Fonti:
Wikipedia
Il sole24 ore
Quattroruote