<b>Scottsdale Auction Week 2018. Luci e ombre in Arizona</b>

Scottsdale Auction Week 2018. Luci e ombre in Arizona

Concluse le aste della Scottsdale Auction Week. Vediamo come sono andate le principali vetture offerte dalle varie case d’asta

RM Sotheby’s

Jaguar D-Type Wors 1954
Jaguar D-Type Works 1954

Dopo l’hype pubblicitario (anche un focus emozionale di Petrolicious) la protagonista dell’asta, Jaguar D-Type 1954 “Works” OKV 2 1954 ha comunque faticato ad arrivare alla quota di stima, mancandola di un paio di milioni.

Alla fine vettura assegnata per 9,8 milioni di euro. Cifra rispettabilissima, ma di certo ci si aspettava qualcosa di più. Il momento dell’auto d’epoca, dopo le rincorse degli scorsi anni, vede un rallentamento, e questo trend vale a tutti i livelli.

Tra le nostre preferite, la Ferrari 250 GT Cabriolet II Serie, assegnata per 1,275 milioni (offerta senza riserve) , una Ferrari 250 GT Lusso a 1,675 milioni, la Ferrari 212 Inter ex-Peron a 1,187 milioni.

L’attesa e curiosa Alfa Romeo G1, uno dei primi esemplari Alfa Romeo mai costruiti è stato un flop. Attesi milioni di dollari, è stata assegnata a meno della metà delle previsioni:  445.000 dollari (anche in questo caso offerta senza riserve)

Da notare che TUTTE queste assegnazioni sono andate sottostima.

Bonhams

Porsche 550A Spyder - Immagine Bonhams
Porsche 550A Spyder – Immagine Bonhams

Buone notizie per Bonhams. Dopo 2 passaggi a vuoto con altri banditori, la casa d’aste inglese riesce ad assegnare la Porsche 550A “Little bastard” per 5,17 milioni di dollari. Bel risultato considerando i precedenti e prezzo di stima centrato in pieno.

Le altre protagoniste attese:  Ferrari 365 GTS/4 Daytona spider venduta a 2,6 milioni di dollari (prezzo asta incluso),  Ferrari F40 1991 US-Spec acquistata per 1,512 milioni. La Lancia 037 stradale rossa assegnata a 451.000 dollari. Da notare che tutte le vetture da noi seguite hanno raggiunto o superato il valore di stima. Buon risultato quindi per Bonhams, eccezion fatta per la bellissima  Ferrari 275 GTB/4 gialla che non ha raggiunto il prezzo di riserva ed è rimasta invenduta.

Invenduta anche la Lamborghini Islero, molto particolare ma non apprezzata da raggiungere il prezzo di riserva

Gooding & Company

Jaguar D-Type XKD 518
Jaguar D-Type XKD 518 – Immagine Gooding&Co.

Asta complicata per Gooding & Co, unica delle case d’asta a non essere riuscita a piazzare il pezzo più pregiato. La Jaguar D-Type Red, molto bella, stimata tra i 10 e i 12 milioni di dollari non ha trovato un nuovo proprietario. Sono stati offerti 8,85 milioni di dollari e il proprietario ha detto NO.

La Ferrari 275 GTB Speciale ex-Battista Pininfarina consola Gooding con un’assegnazione da 8,08 milioni di dollari mentre la Ferrari 250 GT Series I Cabriolet ottiene offerte molto sotto stima e non viene assegnata. Infine la bella  Ferrari Mondial 500 1954 assegnata (sottostima) per 4,05 milioni di dollari.

Aste concluse e spettacolo garantito in queste aste americane, con battaglie d’asta davvero intense

 

<b>Scottsdale Auction Week 2018 – Le proposte di Bonhams</b>

Scottsdale Auction Week 2018 – Le proposte di Bonhams

Porsche 550A Spyder - Immagine Bonhams
Porsche 550A Spyder – Immagine Bonhams

Terzo appuntamento del focus sulle aste della Scottsdale Auction Week. Dopo RM Sotheby’s e Gooding & Co. è il turno di Bonhams

In questo caso la vedette dell’asta è una vecchia conoscenza delle aste. Si tratta dell’iconica Porsche 550A Spyder 1958 (telaio 550A-0145 – lotto 44), già vista offerta all’asta per Gooding & Co. nel 2016 a Pebble Beach (e non venduta), ritorna in questo caso offerta da Bonhams. Esemplare 39 su 40 prodotti è stata vettura ufficiale Porsche, con un quinto posto a Le Mans ’58 e vittoria di classe alla 1000km del Nurburgring. Stima d’asta da 4,5 a 5,5 milioni di dollari.

 

Ferrari 275 GTB/4 - telaio 10381
Ferrari 275 GTB/4 – Immagine Bonhams

Le altre offerte di Bonhams sono molto interessanti, con un gran numero di lotti di grande pregio tra cui però è difficile isolare un solo lotto preponderante. Anche in questo caso molte Ferrari: un bellissimo  365 GTS/4 Daytona spider del 1972 (telaio 16473 – lotto 25) stima 2,4-2,8 milioni di dollari, un 275 GTB/4 giallo (telaio 10381 – lotto 27) stimato 2,8-3,4 milioni di dollari e una F40 1991 US-Spec (telaio ZFFMN34A8M0088374 – lotto 28) certificato Ferrari Classiche con stima di 1,4-1,7 milioni di dollari.

 

Lancia 037 Stradale - Immagine di Bonhams
Lancia 037 Stradale – Immagine di Bonhams

Forse più interessanti alcune chicche, di minor valore ma di assoluto pregio, come una Lancia 037 stradale 1982 (telaio ZLA151AR000000106 – lotto 34) stimata 350.000 dollari, una particolare Lamborghini Islero 1968 (telaio 6012 – lotto 69) stimata 350.000-400.00 dollari ed infine una moderna Ford GT40 auto personale di Carroll Shelby (anche se, come spesso accade, solo 645 miglia nel contachilometri). Per quest’ultima stima da 300.000 a 350.000 dollari

<b>Scottsdale Auction Week 2018 – Le proposte di Gooding & Co.</b>

Scottsdale Auction Week 2018 – Le proposte di Gooding & Co.

Secondo appuntamento con la Scottsdale Auction Week. Dopo RM Sotheby’s, analizziamo le proposte dei veicoli all’asta per Gooding & Co.

Jaguar D-Type XKD 518
Jaguar D-Type XKD 518 – Immagine Gooding & Co.

Anche in questo caso, il posto di primo piano per l’asta appartiene ad una Jaguar D-Type. Il facoltoso appassionato avrà quindi la possibilità di scelta tra la D-Type British Racing Green di RM Sotheby’s o la splendida D-Type Red (telaio XKD 518 – Lotto 055) offerta da Gooding & Co. Il colore rosso (originale, ne esistono solo 2 con questa colorazione) fu applicato in quanto l’esemplare era destinato a un cliente italiano che poi non acquistò il mezzo. Interessante storia sportiva di questa vettura, che ha come ulteriore particolarità quella di essere stata venduta al primo proprietario da un giovane Bernie Ecclestone. Stima dai 10 ai 12 milioni di dollari.

Di pari livello, non solo per prezzo stimato, la Ferrari 275 GTB Speciale (telaio 06437 – Lotto 134) del 1965. Questa versione è in pratica una one-off essendo il modello su cui Pininfarina ha eseguito il disegno della 275 GTB e quindi non proviene dalla Scaglietti (che creava la carrozzeria delle GTB “normali”) ma direttamente da Pininfarina.

Ferrari 275GTB Speciale - Immagine di Gooding & Co.
Ferrari 275 GTB Speciale – Immagine di Gooding & Co.

E in particolare la vettura rimase di proprietà di Battista Pininfarina che la utilizzava come auto personale. Differisce dalla 275 GTB Scaglietti per molti particolari esterni (in particolare il diffusore posteriore, un elemento assolutamente innovativo per un’auto anni 60) e un interno personalizzato. Stima da 8 a 10 milioni di dollari.

Inoltre una Ferrari 250 GT Series I Cabriolet (telaio 1079 GT – Lotto 043), vettura di presentazione Ferrari al Salone di Torino 1958 con stima da 7 a 8 milioni e una Ferrari Mondial 500 1954 (telaio 0434 MD – Lotto 034) stima 5-7 milioni.

Per chiudere con i nostri highlights (anche se, ci sarebbe molto da dire ancora, l’asta presenta moltissime vetture di pregio) torniamo indietro nel tempo fino al 1931 per una Bugatti Type 55 Roadster (telaio 55201 – Lotto 122) stimata 4-5 milioni di dollari.

 

<b>Scottsdale Auction Week 2018 – Le proposte di RM Sotheby’s</b>

Scottsdale Auction Week 2018 – Le proposte di RM Sotheby’s

Per il mercato dell’auto classica americano, il mese di gennaio segna il tradizionale appuntamento con la Scottsdale Auction Week, un multi-evento in cui le più importanti case d’asta organizzano incanti di auto d’epoca di alto livello. In questo tripudio di vetture milionarie va comunque notato che, a margine delle aste l’Arizona Concours of Elegance quest’anno non verrà organizzato per mancanza di fondi (!!)  ad indicare che non sempre con le auto classiche le cose vanno a buon fine (qui la comunicazione ufficiale dal sito della manifestazione e la news di autoweek).

Interessante quindi analizzare le proposte delle principali case d’asta presenti per vedere quali vetture verranno offerte.

Partiamo da RM Sotheby’s

Jaguar D-Type OKV2 - Immagine RMSotheby's
Jaguar D-Type OKV2 – Immagine RM Sotheby’s

La casa d’aste inglese propone un catalogo di offerte molto interessante tra cui una delle sicure star di Scottsdale 2018. Una splendida Jaguar D-Type 1954 “Works” OKV 2 (telaio XKD 403 – Lotto 250), una delle tre D-Type partecipanti alla 24 ore di Le Mans 1954 come vettura ufficiale Jaguar con alla guida Stirling Moss. La vettura, con una lunga e vincente storia agonistica conclusasi nel 1963 è stata guidata da piloti del calibro di Stirling Moss, Peter Walker, Mike Hawthorn. Stima dai 12 ai 15 milioni di dollari.

Non solo Jaguar ovviamente. Tra i mezzi relativamente più “abbordabili”  una bellissima Ferrari 250 GT Lusso 1964 (telaio 5537 GT – Lotto 240) offerta senza riserve con stima di 1,8-2 milioni di dollari (era stata offerta da Gooding&Co proprio a Scottsdale nel 2016 e rimasta invenduta), ancora Ferrari 330 GTS 1967 (telaio 10375 – Lotto 252) con stima identica 1,8-2 milioni e una Ferrari 250 GT Cabriolet IIa Serie 1960 (telaio 1939 GT – Lotto 235) anche questa offerta senza riserve e non assegnata nel 2016 sempre a Scottsdale

Ferrari 212 Inter Coupe Ghia
Ferrari 212 Inter Coupe Ghia – Immagine RM Sotheby’s

E per finire con Ferrari una stupenda 212 Inter Coupe carrozzata Ghia 1952 (telaio 0191 EL – Lotto 248), versione speciale one-off, esposta al Salone di Parigi del 1952 e posseduta dal presidente argentino Juàn Peron.

Molta curiosità per un’altra italiana, l’Alfa Romeo G1 (Lotto 236), primo modello prodotto ad Arese (1921-22) di cui si è molto parlato anche sulla stampa generalista italiana, che si suppone possa raggiungere una quotazione di 1,8-2 milioni di dollari con offerta senza riserve e per il lato yankee dell’asta, una leggendaria Tucker 48 (Lotto 137) offerta senza riserve con stima 1,2-1,5 milioni di dollari